Carolina Cutolo

Scritto da

Parte dal blog, intitolato Pornoromantica e aperto nel 2003, fino ad arrivare al libro omonimo, edito da Fazi, che ha venduto più di 30.000 copie in pochi mesi.

Un modo leggero e divertente di raccontare il sesso e l'amore, con un pizzico di ironia e senza mai sforare nel cattivo gusto: forse è proprio questo che rende speciale e diversa dalle scrittrici erotiche del momento Carolina Cutolo che, accettando con molta disponibilità e simpatia di raccontarsi per noi, vi invita a visitare il suo bellissimo blog.

 

 Il blog come è stato aperto e perché? E da lì, come sei arrivata al libro?

 Ho aperto il blog nel giugno 2003 perché, dopo una vita passata a torturare amici e parenti perché leggessero i miei scritti, l'idea di avere uno spazio pubblico per scrivere e dove sarebbero passate persone sconosciute che avevano per di più la possibilità di commentare i miei scritti, era uno stimolo grandissimo. L'ho intitolato Pornoromantica perché mi ero appena inventata questa parola per dire al mio innamorato di allora come mi faceva sentire, ma all'inizio non pensavo a un tema specifico legato al sesso. Poi un giorno ho pubblicato sul blog una specie di dissertazione giocosa sulle gioie della masturbazione, e la reazione dei lettori è stata entusiasta e molto partecipata, così ho deciso che avrei continuato su questa strada, parlando di sesso, di amore, esercitando lo stile di scrittura dell'ironia. Il titolo, tra l'altro, a quel punto si prestava perfettamente. Da quel momento in poi i contatti sul blog hanno cominciato a fioccare, tanto da attirare l'attenzione della stampa. XL, la rivista del quotidiano La Repubblica, mi ha dedicato una recensione e una breve intervista, a quel punto hanno cominciato a contattarmi le case editrici. Io in quel momento stavo già lavorando a un libro, una specie di romanzo tratto proprio dal blog, e così Fazi, dopo aver letto i primi due capitoli, mi ha subito sottoposto il mio primo vero contratto!

 
Ti aspettavi un così grande successo?

     Poco prima che il libro uscisse ho pensato che, data la fama (per quanto di nicchia) del mio blog, qualche copia l'avrei venduta, ma non avrei mai immaginato di arrivare nel giro di sei mesi e sette ristampe e 30.000 copie vendute.

 
C'è gente che ti ha definito banale, opportunistica fin dal tuo inizio, ripetitiva e nulla. Cosa hai da dire al riguardo? Che effetto ti fanno le critiche?

Le critiche di chi parla senza aver letto il libro, di chi attacca etichette a questioni che non può conoscere, di chi passa facilmente dal giudizio sul libro a quello sulla persona, cerco di fare in modo che non mi tocchino, perché evidentemente si basano su pregiudizi. Quando invece mi arriva una critica seria e priva del benché minimo livore, allora la analizzo attentamente e mi sento grata alla persona che mi ha dedicato la sua attenzione e il suo tempo.

 
Le presentazioni del libro in giro per l'Italia cosa ti hanno portato? C'è stato imbarazzo, almeno all'inizio?

Un po' di imbarazzo, di agitazione c'è sempre quando ci si confronta col mondo e le sue bizzarrie, ma fino a oggi non solo non mi è mai successo nulla di sgradevole (il che, con un argomento così delicato, non era scontato) ma persino quando qualcuno mi ha fatto delle domande provocatorie c'è stato uno scambio interessante e proficuo, perché nato dalla curiosità autentica di persone autentiche. Se guardo a questi mesi di presentazioni in giro per l'Italia rivedo le facce sorridenti, le risate l'ironia, l'affetto e un'atmosfera bellissima di leggerezza e allegria nel parlare di sesso con uomini e donne curiosi e intelligenti.

 
Come ti sei trovata alle Invasioni barbariche?

Molto bene. I ragazzi della squadra della Bignardi sono veramente bravissimi e molto professionali, mi hanno accolta con garbo e simpatia. Inoltre si tratta di una delle poche trasmissioni in tv che vedo con piacere, quindi ero molto felice di essere ospite e nessuna delle mie (alte) aspettative è stata delusa.

 
Pornoromantica: tra sesso e amore. Ma secondo te è davvero possibile scindere le due cose?

Certo che è possibile, un incontro può essere pornoromantico anche in assenza di un grande amore, basta seguire le proprie emozioni, che la scintilla necessaria e sufficiente a rendere assolutamente meraviglioso l'incontro tra due persone, tra due sensibilità erotiche.

 
E se dovessi proprio scegliere - so che è una domanda bastarda - a cosa sapresti rinunciare con minor fatica?

L'amore è più raro di quanto non lo sia il sesso, quindi capita di passare periodi molto più lunghi senza innamorarsi che senza fare sesso. Ma se posso concepire e vivere bene il sesso senza amore non riesco proprio a immaginare l'amore per un uomo senza sesso! Detto questo, anche se scegliere in astratto ha poco senso (davvero una domanda bastarda!), sceglierei l'amore, perché per me è un valore, e può significare anche solo volere un gran bene a qualcuno, tanto da desiderarne la felicità e goderne quasi come fosse propria. E' una sensazione meravigliosa che non può che arricchire.

 
Il pornoromanticismo, in realtà, che cos'è? Ci sai dare una definizione stile Zanichelli?

Dicesi Pornoromanticismo l'attitudine a interrelare piuttosto che separare il sentire emotivo con l'esprimersi sessualmente. La parte romantica non è quella dell'amore eterno (in cui un vero pornoromantico non crede perché si tratta di una vile e pericolosa menzogna) ma quella dell'emozione e del desiderio per qualcuno che non riusciamo a spiegare, che ci scuote anima e corpo e ci fa perdere il controllo di noi stessi. La parte porno è invece la parte sì erotica, ma anche lucida, che desidera sempre vedere le cose nude e crude, appunto come in un film porno. Le due parti, quando interrelate, si compensano magnificamente: la parte romantica evita, grazie alla lucidità della parte porno, di sfociare in melense proiezioni e aspettative che raramente coincidono con la realtà; la parte porno, grazie all'emotività della parte romantica, evita di essere troppo razionale e fredda, e di costruire a tavolino strategie seduttive o scegliere oggetti del desiderio poco affini alla propria sensibilità. Per concludere, basta condire il tutto con una buona dose di ironia e il gioco è fatto.

 
C'è gente che ha tanto da dire. Che consigli daresti a chi ha intenzione di pubblicare un libro?

A chi desidera pubblicare un libro consiglio di inviare il manoscritto in giro e vedere se ci sono reazioni. Per esempio quando inviai il mio, l'unica casa editrice che mi rispose fu Stampa Alternativa, motivando il rifiuto, che è una cosa rara e utilissima per chi scrive nell'ottica di una pubblicazione. Consiglio una grande umiltà, Calvino per esempio diceva che il primo libro che si scrive una volta finito bisogna lasciarlo nel cassetto e proporre alle case editrici il secondo. Scrivere costa molta fatica ed è facile accontentarsi. Io invece consiglio di non accontentarsi di scrivere come ci viene naturale, ma di mettersi sempre nei panni di chi legge, di cercare di scrivere sempre qualcosa che ci piacerebbe leggere. Consiglio infine di leggere moltissimo, anche cose diversissime tra loro. E' la migliore scuola per chi non può permettersi un corso di scrittura.

 
Stai scrivendo altro in questo periodo? Ci sono pubblicazioni in uscita? Un'anteprima solo per noi non sarebbe male...

Al momento sto scrivendo la sceneggiatura per un albo a fumetti, il disegnatore è russo e si chiama Akishin, è stato premiato quest'anno in Russia come migliore fumettista dell'anno. La prima storia dell'albo sarà presentata alla fiera del fumetto di Lucca il prossimo 2 novembre, ci sarò anch'io e non vedo l'ora!

 
Una domanda di rito: se dovessi dipingere l'erotismo, quale o quali colori useresti?

Cara Valeria, questa domanda me l'hanno fatta in un sacco di interviste! Non essendo particolarmente importante ai fini dell'intervista eviterei di rispondere la solita cosa!

Altro in questa categoria: Eliselle »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Ricerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere le nostre promozioni e le ultime news.

Lascia un messaggio veloce!