Visualizza articoli per tag: Etero

Il cottage era ricoperto di edera, la legnaia era sul retro mentre dalla strada si poteva vedere il piccolo ma curato giardino posto di fronte casa.

Etichettato sotto

L’acqua scorreva lentamente, riempiendo poco a poco la vasca. Quel suono delicato sembrava riempire il silenzio della notte, come note di una melodia insolita che accarezza le parole taciute.

Etichettato sotto

Quando ho saputo che Lui era tuo amico, anzi, il tuo amico, quasi non ci potevo credere. Subito avevo provato un moto di stizza, di dolore per il ricordo di quei momenti che mai ho dimenticato.

Etichettato sotto

Il profumo del caffè che brontolava in cucina giunse fino al soggiorno, dal suo suono capì che era ormai pronto e si allontanò, tornando poco dopo per servirglielo.

Etichettato sotto

Ines sgrana gli occhi sullo spillone del fachiro. Analizza il riflesso della luce sul metallo deducendo la durezza delle lame acuminate.

Etichettato sotto

Dall’alto della collina tutto appariva sfumato e si poteva assimilare a un dipinto fatto di ampi e volitivi colpi di spatola, con i particolari occultati alla vista.

Etichettato sotto

Sento i brividi. Nel mio corpo, del nostro orgasmo. Scivolano lungo la schiena, giù lungo le gambe, a farle tremare. Incerta è anche la mano che ho usato per spogliarmi.

Etichettato sotto

Elena (il nome è di fantasia) lavora di giorno, nel verde della campagna, nei pressi di una grande città italiana. Elena offre il suo corpo ai clienti per qualche decina di euro.

Etichettato sotto

La incontrai nell’estate di tre anni fa, eravamo entrambi a un meeting letterario nella pineta di Castiglione della Pescaia, dove io avevo una piccola libreria.

Etichettato sotto

"Ciao... Fabio sono... Fiorella?... ti ricordi me?". "Fabio? Fabio chi?". "Ventitré febbraio duemilauno!". "Cazzo!".

Etichettato sotto

Ricerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere le nostre promozioni e le ultime news.

Lascia un messaggio veloce!