Racconti Erotici

Profumo di the e cannella

Scritto da Charmel Roses

Il profumo del the alla cannella riempì l’aria umida di pioggia, Melissa poggiò le tazze fumanti sul tavolino posto davanti al divano e si mise a sedere.

I suoi capelli e i vestiti erano ancora bagnati a causa dell’acquazzone che ci aveva sorpreso all’improvviso.
Prese la sua tazza stringendola tra le mani, la avvicinò al viso per scaldarsi e ci soffiò su per freddarlo prima di cominciare a sorseggiarlo. Poi si tolse le scarpe e poggiò i piedi sul tavolino, accogliendo con un sorriso malizioso il mio sguardo, che seguì avidamente i suoi movimenti.
In silenzio, bevvi i solchi che correvano lungo la pianta del suo piede, lasciai che la mia mente corresse lungo le ombre lievi che disegnavano, cercando il fresco ristoro che bramava la mia bocca arsa dal caldo arido di un lungo cammino.
I suoi piedi erano come piccole oasi in cui si perdevano i miei pensieri, sulla loro pelle morbida potevo immaginare il sapore di arcani piaceri, il mistero di una malia capace di soggiogarmi, di condurmi lungo il baratro di un’estasi senza fine.
"Dei miei cosa ne pensi?", mi aveva chiesto quella sera, mostrandomi il piede.
Sedevamo su una panchina del parco e non so come, forse a causa della troppa birra bevuta al pub in cui avevamo trascorso la serata, le avevo confessato la mia strana passione per i piedi, accennando anche al mio desiderio di essere sottomesso.
Invece di risponderle mi chinai per baciarlo, ma lei non me lo permise. Prima che riuscissi a ghermirlo, il suo piede si nascose nuovamente nei sabot che calzava e Melissa mi tenne a bada rigirando il tacco sul mio petto, con un tocco leggero che poco a poco cominciò a graffiarmi studiando le mie reazioni e la mia docilità.
"Sei davvero strano", mi disse.
"Troppo per te?".
"Quel tanto che basta per incuriosirmi".
Melissa si lasciò cullare dal mio sguardo e dal mio desiderio, lo accarezzò cercando di immaginarlo, di comprendere ciò che si agitava dentro me.
"Inginocchiati", sussurrò, con un tono di voce che voleva essere deciso ma che in realtà tradiva la sua timida incertezza.
Mi avvicinai lentamente, chinando il capo e respirando il delicato aroma dei suoi piedi. Nei suoi occhi lessi il brivido che le procurò il mio respiro e mi specchiai nel suo sguardo divertito e sorpreso nel vedermi in ginocchio.
"E’ questo ciò che ti piace fare?".
"A te?".
"Non lo so... io sono semplicemente curiosa. Sta a te far sì che risulti piacevole anche per me".
Allungò il piede sul mio viso, facendolo scivolare con la punta fino alla mia bocca. Io lo baciai, Melissa si morse un labbro e strinse l’orlo della gonna accartocciandolo, trattenendo a stento un gemito di piacere mentre le mie labbra si schiudevano sfiorandole la pianta. Potevo sentire il calore della mia lingua raggiungerla, facendole provare l’ebbrezza di quel potere assoluto.
Amavo sentirmi così, sentire di appartenerle, di essere pronto a soddisfare qualsiasi suo desiderio, anche il più folle.
La pioggia aveva segnato i suoi piedi, ma lei non se ne preoccupò, lasciò che li ripulissi, eccitandosi per la mia sottomissione.
Non ero certo che Melissa potesse comprendermi, ma conoscevo bene la sua curiosità, il suo desiderio di sperimentare e di giocare.
La sentii abbandonarsi sempre di più a quel piacere, la sentii ergersi sul mio desiderio di perdermi e farmi divorare, bruciando nella passione che si impadroniva di me, soggiogandomi.
I suoi piedi divennero esigenti, capricciosi, si sottraevano ai miei baci e calcavano il mio viso per poi riempire prepotentemente la mia bocca. Era lei, ora, a condurre il gioco impedendo ai miei baci di servirsi di lei.
"Cos’altro faresti per me?".
"Qualsiasi cosa".
"Come uno schiavo, giusto?".
"E’ quel che sono, il tuo schiavo".
Melissa sorseggiò il suo the, continuando a osservarmi mentre la mia lingua solcava la pelle delle morbide piante dei suoi piedi.
"Spiegami".
"Cosa dovrei spiegarti?".
"Cosa vuol dire che sei il mio schiavo?", aggiunse strofinando un piede sul mio viso mentre lo respiravo avidamente.
"Vuol dire che ti appartengo, che riconosco in te la mia Padrona e potrai disporre di me a tuo piacimento".
"Tutto qui?".
"Ti sembra poco?".
"Nessuno mi ha mai baciato la scarpa o leccato i piedi come hai fatto tu. Ma gli uomini sono sempre pronti a strisciare per una donna e io ne ho visti strisciare tanti per me, solo perché volevano scoparmi".
Il mio the, ormai tiepido, riposava ancora sul tavolino, Melissa lo versò e immerse i piedi in quel piccolo mare che si formò sul pavimento.
"Qualunque cosa, giusto?".
"Esatto", le risposi leccando il the dal pavimento.
Melissa sembrava calarsi sempre di più nel suo ruolo di Padrona, il suo piede calcava il mio capo con decisione, mentre ripulivo il pavimento leccando il the. Lo sentivo fremere per il piacere che quel possesso le procurava.
"Ti ho convinta?".
"Scherzi? Farti leccare i piedi, le scarpe o addirittura il pavimento può essere divertente, ma non dimostra nulla... so benissimo che ti eccita farlo".
"E allora cosa...".
"Spogliati!", mi intimò.
Melissa si accese una sigaretta e mi scrutò, mentre eseguivo i suoi ordini, fissandomi con sguardo severo.
"Toccati!".
"Cosa?".
"Hai capito bene, voglio che ti tocchi. Sarai la mia mignotta e ti toccherai per me".
"Ma...".
"Ma cosa? Ti tiri già indietro? Non sei più il mio schiavo?".
"Sì, certo".
"Allora muoviti! Voglio divertirmi a guardarti mentre ti tocchi!".
Con un po’ di imbarazzo, cominciai a masturbarmi, ma Melissa mi interruppe subito tallonandomi ripetutamente sul volto.
"Non così, buono a nulla! Non ti ho detto di fare lo sfigato che si fa una sega davanti a un porno! Ora sei la mia mignotta e devi farmi divertire ed eccitare, toccati e strusciati come si deve!".
Cercai come potevo di soddisfare i desideri di Melissa e, mentre lei mi incitava colpendomi col piede, mi accarezzai come in una squallida pubblicità da hotline.
"Bravo, continua così", disse ridendo, divertendosi a strusciare il piede sul mio viso finché non cominciò anche lei a toccarsi, godendo del ridicolo spettacolo che le stavo offrendo.
Poi si alzò e mi afferrò per i capelli.
"Vuoi che ti scopi?".
"Sì".
"Allora dillo!".
"Voglio che mi scopi".
"Come una mignotta? E‘ questo che sei? La mia mignotta?".
"Sì, sono la tua mignotta, la tua cagna, scopami, ti prego".
Solo quando sentii il suo dito trafiggermi insinuandosi tra le mie natiche, compresi il modo in cui intendeva scoparmi. Melissa sperimentò il piacere di violarmi, un piacere che poco a poco coinvolse anche me, malgrado lo stupore che accompagnò la mia eccitazione, mi abbandonai a essa sentendomi appagato da quel possesso che andava ben oltre la mia immaginazione. Ero suo, più di quanto mi sarei aspettato, più di quanto lei credesse o desiderasse.

Altro in questa categoria: « Prendimi Puttana »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Dello stesso Autore..

Ricerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere le nostre promozioni e le ultime news.

Lascia un messaggio veloce!