Racconti Erotici

Non tutto è come sembra

Scritto da Valeria

"Ciao amore, sono ora davanti alla gelateria. Fra dieci minuti sono a casa”. La ragazza ripose il cellulare nella borsa e svoltò nel piccolo vicolo sulla destra.

“Certo che potrebbero metterlo un lampione”, pensò guardando in alto verso la debole luce, l’unica a parte quella della luna, che usciva da una finestra del secondo piano.

     A quell’ora non era consigliabile girovagare in quella zona da sola. Non c’era nessuno in giro. In fondo erano quasi le due del giovedì notte e i pochi locali avrebbero aperto solo la sera successiva. E poi solo un pazzo sarebbe uscito a piedi visto che aveva piovuto fino a mezz’ora prima.

     Un gatto saltò fuori da un cassonetto ribaltando alcune scatole lì vicino.

     Lei gridò dallo spavento immobilizzandosi all’istante al centro della stradina.

     Poi respirò a fondo.

     Con le mani cercò di tirare in basso la stoffa quasi inesistente chiusa a fasciarle il culo, anche se sapeva che la gonna non sarebbe diventata di certo più lunga di quel che era.

     Accelerò il passo e il rumore dei tacchi sembrò farsi più deciso sull’asfalto bagnato quasi a cercare di darle maggior sicurezza.

     Poi si fermò.

     Di nuovo immobile, a piedi uniti, la borsa stretta nelle mani. Si voltò a guardare la strada appena percorsa.

     “C’è qualcuno?”, gridò.

     Nessuna risposta.

     E con quel buio a malapena riusciva a scorgere il profilo dei palazzi che si allineavano lungo la via.

     Accelerò ancora il passo. Ormai mancava poco a casa.

     Prese quasi a correre, sui suoi tacchi da otto e il respiro diventato tutto a un tratto pesante.

     Si voltò di nuovo. Ancora lo stesso rumore sordo ad attirare la sua attenzione.

     Ora la figura alle sue spalle era netta, stagliata nella luce della luna che si rifletteva sulla strada bagnata.

     L’uomo camminava a passo veloce come seguendo la scia di quel profumo che lei aveva messo solo qualche ora prima.

     La ragazza iniziò a correre ma l’uomo ci mise poco a raggiungerla. Quando la afferrò per il braccio lei gridò cercando di mettere avanti le mani.

     “Zitta. Stai zitta, hai capito? Se farai la brava non ti succederà niente”, disse da dietro il passamontagna nero e stringendole i polsi con le dita.

     Strattonandola la spinse verso il muro schiacciandole la guancia contro la parete.

     “Vediamo cos’hai qui sotto”, disse sollevandole la gonna.

     Un sonoro schiaffo sulla natica nuda echeggiò per il vicolo deserto.

     “Per favore non farmi male. Ho dei soldi, ho un cellulare nella borsa. Prendi quello che vuoi ma lasciami andare ti prego”.

     “Quello che voglio è proprio qui, non mi interessa altro”, le sussurrò l’uomo nell’orecchio mentre faceva scivolare due dita lungo la schiena fino al taglio del culo, e poi più giù, fino all’entrata.

     Con il cazzo rigido fuori dalla zip, le sue gambe divaricate tra quelle nude di lei, la penetrò lentamente per qualche centimetro, poi una spinta secca. La mano salda sui fianchi rotondi.

     La donna gridò ancora.

     “Zitta puttana, tanto se urli non ti sente nessuno qui”.

     L’altra mano a tapparle la bocca e a premere sulle labbra.

     Iniziò a scoparla così, sbattendo il bacino contro il culo di lei mentre un rantolo gli saliva dalla gola.

     Poi rallentò.

     Uscì quasi per metà e poi riaffondò dentro.

     Un’altra spinta e rimase immobile al suo interno, mentre attorno al suo cazzo il piccolo buco iniziò piano a dilatarsi.

     “Lo so che piace anche a te. Chissà quanti ne hai presi qui dietro”.

     Ancora un colpo e anche l’altra mano andò ad afferrare la carne dei fianchi, attirandola a sé e strattonandola.

     Sbattendola e facendosi risucchiare finché l’uomo non gemette a denti serrati e labbra unite, soffocando l’orgasmo nel passamontagna scuro.

     Rivoli di sperma colarono tra le natiche bianche della ragazza, fermandosi sulla fascia elastica delle autoreggenti a formare una piccola massa umida.

     Pochi secondi per riprendersi e finalmente riaprire gli occhi.

     Sembrava ancora più buia la notte adesso.

     Guardò verso destra e poi verso sinistra, ma dell’uomo non c’è già più nessuna traccia.

     Abbassò la gonna e passò una mano tra i capelli. Poi fece scorrere le dita sotto gli occhi per togliere il trucco sceso giù dalle ciglia.

     Percorse correndo i pochi metri che la separavano da casa, poi entrò richiudendosi velocemente la porta alle sue spalle.

     “Amore, sei qui?”, chiese lieve entrando nella camera buia in punta di piedi.

     “Si, sono qui. Accendi pure la luce se vuoi, sono sveglio”.

     Era sdraiato sul letto, le gambe incrociate.

     “Ti sei divertito stasera?”, chiese al suo uomo leccandogli il palmo della mano ancora sporco di rossetto.

     Poi si voltò a guardare il passamontagna appoggiato sul comodino, sorridendo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Ricerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere le nostre promozioni e le ultime news.

Lascia un messaggio veloce!