Racconti Erotici

Visualizza articoli per tag: Fantasy

Mi sveglio di soprassalto sudata e ansimante. Finalmente cosciente, mi illudo di poter affrontare i miei fantasmi a occhi aperti e combattere contro la morsa dell’angoscia e della nostalgia che mi opprimono il petto e mi soffocano, rendendomi difficoltoso perfino respirare regolarmente.

Etichettato sotto

Il porto questa notte è illuminato da luci soffuse; la nebbia, dolcemente, lambisce i colli alle mie spalle e inumidisce i leggeri abiti che a malapena coprono il mio corpo.

Etichettato sotto

"Era la fine". Lara, primo ufficiale dell’astronave da carico Endeavour ricontrollò da capo le rotte alternative. Ci sarebbero voluti almeno tre giorni per raggiungere la base più vicina.

Etichettato sotto

Holding back the years, thinking of the fear I've had for so long. When somebody hears, Listen to the fear that's gone. Guardo la mia mano, fletto le dita e le appoggio sulla porta.

Etichettato sotto

E' sempre così, lei l'ha sentito arrivare. Sa che quella notte verrà per lei. I segnali sono chiari. Nonostante le infinite pillole che dovrebbero tenerla tranquilla, un brivido di paura le attraversa tutto il corpo.

Etichettato sotto

Tradito. Il pensiero folgorò la sua mente, penetrandola con la stessa violenza con cui la spada era penetrata nel suo addome. Sbarrò gli occhi ed ebbe la crudele conferma del suo presentimento.

Etichettato sotto

E' ormai da molto tempo che sono qui. Forse cento o duecento anni - ma il mio corpo è sempre uguale, è lo stesso di quando ero ragazza, di quando sono partita.

Etichettato sotto

Sono pietra, dicono, roccia, e a volte anche io lo credo. Quando assisto ai sogni senza avere la chiave dello scrigno, io e la mia terra bassa, tenuta insieme da alberi precari, modellata continuamente dal vento.

Etichettato sotto

Non conservo memoria di prima, prima del momento in cui mi sono risvegliato da un sonno senza sogni. Non conoscevo il mondo di oggi, e del passato conservo un’idea vaga.

Etichettato sotto

C’era una volta una fatina. Era nata una mattina d’estate da un enorme papavero dai petali vermigli vellutati e carnosi.

Etichettato sotto
Pagina 1 di 2

Ricerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere le nostre promozioni e le ultime news.

Lascia un messaggio veloce!